Grafters -dublinduckrace.com

Grafters

B008ZUCDZW

Grafters

Grafters
Grafters Grafters Grafters
  • Skuola
  • Puma Evopower 13 Ag, Scarpe da calcio Uomo Giallo Gelb safety yellowblackatomic blue 01
  • Sede dell'Ente Parco :  Via Giulio Cesare, 7 - 07024 La Maddalena (OT)
    Per visualizzare la sede dell'Ente Parco sulla mappa,  fare clic qui

    Centralino e Ufficio informazioni : Telefono  0789 790211

    Ufficio Protocollo : Telefono  0789 790212 , email:  [email protected]

    Pec  (posta elettronica certificata, abilitata alla ricezione di sole email di posta elettronica certificata):  [email protected]

    Commissario Straordinario
    Per appuntamenti è possibile contattare il Commissario straordinario Comandante Leonardo Deri contattando il centralino al numero  0789 790211  .

    Direzione
    Per appuntamenti è possibile contattare diretttamente il Direttore f.f., dott Yuri Donno direttamente via email all'indirizzo:  [email protected]

    Orari di apertura al Pubblico degli Uffici:

    Ufficio Relazioni con il Pubblico:   dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e nelle ore pomeridiane del martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30 

    Ufficio Autorizzazioni:  dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e nelle ore pomeridiane del martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30

    Ufficio ambiente : martedì e giovedì dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e nelle ore pomeridiane del martedi dalle ore 15.30 alle ore 17.30

  • Comunali 2017
  • Addio Paolo Villaggio
  • Ufficio tecnico:  lunedì e mercoledì dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e nelle ore pomeridiane del martedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30

    Ufficio protocollo:  dal lunedì al venerdì dalle ore 10.30 alle ore 12.30 e nelle ore pomeridiane del martedì e del giovedì dalle ore 15.30 alle 17.30

    Massa Carrara - Quando ha visto che l’auto del fratello stava uscendo di strada è corsa ad avvertirlo. Ma non ha fatto in tempo:  Francesco Francini , di 86 anni, non è riuscito a fermare la macchina, che è precipitata in un dirupo, ribaltandosi più volte. Lei, di qualche anno più giovane, sofferente di una patologia cardiaca, Athletic Shoes Primavera Autunno Coppia Scarpe da uomo Tulle casuale Tallone piano Nero / Blu Nero / Bianco R sandali US859 / EU41 / UK758 / CN42
    . Entrambi sono stati soccorsi dal personale del 118 e  accompagnati all’ospedale. Il pensionato, che si era procurato diverse gravi lesioni all’addome,  è deceduto  qualche ora dopo, prima di essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico. La sorella, religiosa di una congregazione cattolica, è ancora ricoverata. La tragedia è avvenuta a  Mezzana  nel comune di Fivizzano, in provincia di Massa Carrara. Francini era nato in quel paese, anche se si era trasferito a Genova da tanti anni. Viveva a San Fruttuoso.

    Sono stati accolti gli appelli del ministero dei Beni culturali contro le due sentenze del Tar del Lazio che avevano dato ragione al Campidoglio. Esulta Franceschini: «Fatta davvero giustizia»

    di Redazione Online
    Una foto del Colosseo (Ansa)
    shadow
    Cofra 00310 – 003w38 taglia 38 S5 SRC Eclypse Scarpe di sicurezza
    Verben

    Il Consiglio di Stato dà il via libera al parco archeologico del Colosseo e dice sì anche alla nomina anche di direttori stranieri del parco stesso. La Sesta sezione del Consiglio di Stato, con due sentenze pubblicate lunedì, ha accolto gli appelli del ministero dei Beni culturali contro le due sentenze del Tar Lazio che avevano accolto i ricorsi di Roma Capitale in relazione all’istituzione del Parco archeologico del Colosseo e alla nomina con selezione pubblica internazionale del suo direttore.

    Le sentenze
  • Matrimonio Ravenna
  • Matrimonio Reggio Emilia
  • Matrimonio Rimini
  • Nelle sentenze depositate il Consiglio di Stato si pronuncia su tre questioni: quella del necessario coinvolgimento di Roma Capitale nel processo decisionale; quella della fonte istitutiva; quella in merito al conferimento dell’incarico di direzione del Parco archeologico del Colosseo anche a cittadini non italiani. La prima riguarda la necessità di coinvolgere, per assicurare il principio di leale collaborazione, Roma Capitale nella fase di istituzione del Parco archeologico. I giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto che sia necessario distinguere la fase di organizzazione amministrativa da quella di esercizio delle funzioni di valorizzazione del patrimonio culturale. La prima fase, che viene in rilievo con la istituzione del Parco - poiché riguarda la creazione di uffici dirigenziali statali - rientra nell’esclusiva competenza legislativa dello Stato e amministrativa del dicastero. L’esigenza di assicurare il principio di leale collaborazione viene in rilievo nella seconda fase che è quella della gestione dei beni. La seconda questione affrontata dal Consiglio di Stato è relativa alla natura della fonte istitutiva del Parco. I giudici d’appello hanno ritenuto che la legge speciale di disciplina della materia autorizzasse il ministero ad adottare un decreto non regolamentare. La terza questione esaminata ha riguardato la possibilità che incarichi, nello specifico quello di direttore del Parco archeologico, possano essere attribuiti anche a cittadini non italiani. Secondo i giudici di Palazzo Spada, il diritto europeo e la giurisprudenza della Corte di Giustizia ammettono che sia consentita una riserva di posti a soli cittadini italiani, con deroga al principio generale di libera circolazione dei cittadini europei, ma questa riserva è possibile soltanto in relazione a posti che implicano l’esercizio, diretto o indiretto, di funzioni pubbliche, quali sono, in particolare, quelle nei settori delle «forze armate, polizia e altre forze dell’ordine pubblico, magistratura, amministrazione fiscale e diplomazia». Nel caso in esame, il Consiglio di Stato ha ritenuto che il direttore del Parco non è chiamato a svolgere tali funzioni, in quanto il bando di gara gli attribuisce compiti che attengono essenzialmente alla gestione economica e tecnica del Parco. E quindi si è ritenuta legittima - da parte del Consiglio di Stato - la previsione di una selezione pubblica internazionale.

    Inaugurati i reparti di Medicina Nucleare e Radioterapia del Policlinico:" Centro d'eccellenza europeo"

    Dopo dodici anni di attesa per lungaggini burocratiche sono stati inaugurati, questa mattina, i reparti di Medicina Nucleare e Radioterapia del Policlinico di Bari. alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, anche il governatore pugliese, Michele Emiliano, e il sindaco del capoluogo, Antonio Decaro.  A disposizione di pazienti e medici, nelle due nuove struture, macchinari avanzati per la cura e la diagnosi di tumori e altre patologie . Nel corso della mattinata, oltre al taglio del nastro dei nuovi reparti, è satta posta anche la prima pietra per la realizzazione del nuovo centro di chirurgia cardiotoracica del plesso 'Asclepios 3'. 

    Emiliano: "Emozione, risultato raggiunto grazie all'unità"

    Per Emiliano, "questo è il Policlinico della Puglia, ricordo da dove siete partiti e osservo quello che stiamo diventando oggi. Con l'apertura di questi reparti abbiamo uno dei migliori centri europei pubblici di questo settore.  "Provo un'emozione e un orgoglio fortissimi perché questo risultato è frutto di un immenso e complicatissimo gioco di squadra, che ha dato vita a un impianto industriale di altissima tecnologia.  Gli stessi sentimenti li leggo negli occhi di tutti i presenti, abbiamo dimostrato nel mettere insieme questa complessità che quando una cosa si vuole fortemente tutto si può fare. Sono sempre più convinto che sia giusto essere vincolati, uniti nelle battaglie che sono comuni. Quando ci sono cose molto importanti da fare, è proprio questa unità che consente di raggiungere il migliore risultato possibile.  Emiliano, rispondendo ai giornalisti ha anche detto: "Ho voluto tenere la delega alla sanità per evitare di consegnare questa materia a un soggetto che non rappresentasse la collegialità del governo pugliese. Noi non siamo perfetti - ha aggiunto - Abbiamo ancora dei buchi sui quali stiamo lavorando. Ma abbiamo fatto tali e tanti passi avanti che possiamo dire di essere capaci a gestire la sanità di questa regione. Noi siamo capaci di farlo, e possiamo e dobbiamo fare molte altre cose".